QUADERNO CIPEC 72

E’ online il quaderno del CIPEC numero 72, 30-esimo anno.

Download “Quaderno CIPEC N. 72”

Quaderno-CIPEC-Numero-72.pdf – Scaricato 20277 volte – 1,69 MB

Quaderno cipec 72, copertina con Dalmasso e Zannoni

Introduzione

Quaderno CIPEC 72, Non so se questo sarà l’ultimo quaderno, dopo un percorso di trent’anni, o se continueremo per il prossimo quinquennio (2025- 2029) o almeno per qualche anno.

Attendiamo le decisioni dell’Amministrazione provinciale di Cuneo che, in ogni caso, ringraziamo, come quelle precedenti, insieme ai dipendenti della stamperia, per i tanti numeri usciti che speriamo siano stati utili.

Vedo che le ricostruzioni di parti della storia della provincia, le interviste a militanti politici e sindacali, le statistiche elettorali, per quanto ferme a parecchi anni fa, vengono ancor oggi, utilizzate per studi, ricerche, tesi di laurea.

In attesa di una eventuale (e sperata) continuazione, procediamo con il ricordo dell’amico Danilo Zannoni, scomparso nell’aprile 2023.

A lui abbiamo dedicato già il quaderno 65 (primo semestre 2021) che conteneva numerosi racconti e l’ultimo numero (primo semestre 2024) con un lungo racconto (il termine è, forse, riduttivo), Demoni e due brevi ricordi, il mio e quello di Antonella Marras.

In questo quaderno compaiono altri suoi scritti, mai pubblicati, che sempre dimostrano la fantasia (gli ho chiesto più volte come facesse a scrivere continuamente, senza interruzione e su soggetti così diversi) e soprattutto l’interesse per temi sociali, ambientali, legati a una impostazione morale che sembra richiamarsi ad esempi letterari illustri.

L’amico prete: Gianni Russotto

Vi era l’idea di un ricordo di Gianni Russotto, anch’egli mancato lo scorso anno.

Gianni è stato sacerdote, prima a Genova, poi in Cile, da lui scelto per avere una esperienza di vita e di fede in un paese del “terzo mondo”.

Qui ha conosciuto e sposato una donna, scelta che lo ha collocato tra i tanti preti sposati di una stagione in cui molti credenti si sono interrogati sulle scelte di fede, sul rapporto religione/politica e sul modo migliore di interpretare la fede stessa nella propria vita personale.

Il ritorno in Italia, l’impegno politico- sociale.

Ci manca lo spazio.

Gianni Russotto con Roberta Piazzi

Mi limito ad un ricordo personale, rinviando ai prossimi, eventuali, quaderni, testimonianze, ricordi, memorie collettive e personali che hanno riempito una commovente serata al circolo ARCI Barabini, a Trasta, in val Polcevera, il giorno successivo alla sua scomparsa.

Sergio Dalmasso

Nel secondo semestre del 2024 il quaderno 72 sarà a stampa in un numero di copie limitate grazie al lavoro del Centro Stampa della PROVINCIA DI CUNEO

Buona lettura.

Sergio

​Genere horror Pioveva anche quella sera

Genova, 15 marzo 2021

Danilo Zannoni

 

Genere Horror. Pioveva anche quella sera

Pioveva anche quella sera, e faceva vento.

L’insegna dello spaccio di Lu sbatacchiava.

La campanella sulla porta squillò.

Il giovane uomo entrò.

«Buonasera», disse Lu.

«Voglio della carne.»

Disse il giovane, togliendosi il cappuccio della giacca a vento.

«È un brutto periodo, ne abbiamo poca, ma se può pagare, qualcosa le trovo.»

«Ho detto voglio, non vorrei, quindi non si parla di pagare»

Rispose il giovane, posando a terra lo zaino.

Lu, sbuffò, poi prese la doppietta da sotto il banco.

Maria comparve dalla cucina.

«Tutto bene»

Lu fece un gesto, come dire, tutto a posto, torna in cucina.

Il giovane sorrise ed estrasse una mitraglietta dallo zaino.

«Quando un uomo col fucile incontra un uomo col mitragliatore, l’uomo col fucile è un uomo morto»

Disse, puntandogliela in faccia.

«Vedi ragazzo, pensavo di non avere carne, invece la ho, poi sull’uomo col fucile e quello con la mitraglietta. Sai, non importa chi ce l’ha più grosso, ma chi spara prima.»

E tirò i due grilletti.

Il ragazzo cadde a terra con un’espressione stupita.

La pioggia era cessata.

«Maria, dammi una mano a metterlo in frigorifero».

Strillò Lu.

Stavano ancora sistemandolo nella cella frigorifera, quando la campanella della porta squillò.

Lu, tornò di corsa dietro il banco.

«Buonasera»

«Buonasera», disse la giovane donna.

«Vorrei della carne»

«Benissimo, mi è appena arrivata, ha qualche preferenza?»

«Se ne ha, coscia, ed un po’ di cuore.»

«Benissimo, quanto facciamo di peso?»

«Una decina di chili, di più non riesco a portarne»

«Bene» disse Lu, avviandosi in cucina.

Maria uscì incrociandolo.

Le due donne si guardarono.

«Quanto pesava?»

«Settanta chili scarsi, dovrò fare ancora sei viaggi».

«Bene, sono tempi duri, ma resistiamo».

«Sì».

(Opera di fantasia di Danilo Zannoni: autore del libro di novelle “Scrivere è come vivere, solo che è più semplice” disponibile nel quaderno CIPEC N. 65)

Download “Quaderno CIPEC N. 65 - (Novelle di Danilo Zannoni)”

Quaderno-CIPEC-Numero-65-Zannoni.pdf – Scaricato 4096 volte – 6,49 MB